Storia

Nata nel 1964 come Legatoria Augusta, Johnson CPZ si inserisce subito con successo nel mercato delle agende. Da piccola azienda artigiana, si trasforma in pochi anni, grazie all’acquisizione di importanti clienti nel mondo imprenditoriale e bancario, in una realtà industriale di tutto rispetto e, verso la fine degli anni ’70, modifica il proprio nome in Editoriale Johnson.
La crescita è costante, sia in termini di fatturato sia di ampliamento dello stabilimento, sino agli anni ’90. Nel 1993 Editoriale Johnson viene acquisita da Nuovo Istituto Italiano di Arti Grafiche ed entra a far parte del Gruppo Bertelsmann – Arvato. Questo riassetto societario permette all’azienda di integrare la propria esperienza e professionalità consolidando il proprio ruolo di leader del mercato con il contributo delle proprie filiali in Francia, Inghilterra, Spagna, Olanda, Austria, Polonia e con la Società Tavecchi in Italia.

1964

Nasce la Legatoria Augusta S.n.c. Si aprono i primi uffici a Milano.

1964/1976

La produzione cresce, prima l’azienda si avvale di legatorie esterne e completa, al suo interno, solo la personalizzazione delle agende, poi, con l’aumentare dei clienti e di prodotti da confezionare, viene affittato un capannone, vicino a Bergamo, e installate le prime macchine.

1976

La società cambia nome in Editoriale Johnson S.p.A.

1977

La società ha circa 35 dipendenti e un fatturato di quasi 2 miliardi di lire.

1978/1979

Viene acquistato un terreno sul fronte autostradale e costruito il primo stabilimento: 6.000 metri destinati alla produzione e 400 metri agli uffici.

1981/1991

Nel 1981 la società si trasferisce in via Grinetta 9/c.
In questi anni c’è un forte incremento di fatturato, circa il 15-25% annuo.
Contemporaneamente però subentrano le prime difficoltà nel mercato delle agende: ribasso dei prezzi e concorrenza spietata.

1992/1993

Nel 1992 Editoriale Johnson inizia la ricerca di un partner esterno. Nel 1993 Editoriale Johnson viene acquisita dall’Istituto Italiano di Arti Grafiche, gruppo Bertelsmann.

1993/1999

Editoriale Johnson, sfruttando le sinergie createsi con il gruppo Arti Grafiche, riprende a pieno regime la propria attività e con il contributo delle filiali in Francia, Inghilterra, Spagna, Olanda, Austria, e la società Tavecchi in Italia, vengono sviluppati altri 40 miliardi di lire di fatturato.

2000

Si delinea la nuova struttura del Gruppo arvato print in Italia. Accanto a Editoriale Johnson e Nuovo Istituto Italiano di Artigrafiche, si inserisce un nuovo partner: Eurogravure.

2003

Le tre società riorganizzano la propria struttura e focalizzano le specifiche attività: Nuovo Istituto Italiano d’Arti Grafiche si occupa di stampa offset, rotooffset e flessografica; Eurogravure di stampa rotocalco; Editoriale Johnson di produzione e commercializzazione di agende e calendari e si specializza nella legatoria.

2004

Con il conferimento del settore agende di Nuovo Istituto Italiano d’Arti Grafiche, Editoriale Johnson cambia la propria ragione sociale in Arti Grafiche Johnson S.p.A.

Close Box

Please enter your username or email address.
You will receive a link to reset the password via email.